News

Lezione di Inglese: Franziska, il Sudafrica e lĀ“apartheid




Il 27 maggio 2020, dopo 11 settimane di didattica a distanza, 
l’Ottava classe della Libera Scuola Waldorf di Palermo ha dato il benvenuto ad un altro ospite speciale durante la loro videoconferenza. Nelle loro lezioni di Inglese, i giovani hanno imparato a conoscere il movimento per i diritti civili e le ramificazioni storiche e geografiche ad esso collegate.
In questa chiave, abbiamo anche considerato la storia del Sudafrica e l´apartheid. Per collegarci a questo fenomeno in modo reale e più personale, la maestra di lingue ha invitato una sua cugina, Franziska, che ha vissuto in Sudafrica al culmine dell´apartheid, dal 1964 al 1967.

Franziska
 allora era una bambina. Aveva 9 anni quando è arrivata in Sudafrica ed era la più grande di quattro fratelli. La sua famiglia è tedesca, i loro genitori erano entrambi insegnanti che non volevano vivere nella Germania del dopoguerra. Prima del Sudafrica, avevano vissuto in Etiopia per tre anni. Quando la famiglia lasciò il Sudafrica, il fratello di Franziska aveva dodici anni e il padre era appena morto. Anche Franziska è insegnante, una donna consapevole e intelligente con la passione per l´umanità. Sta per andare in pensione. Adesso il suo lavoro è in un centro per migranti.

Per l´Ottava classe, Franziska si è tuffata nella sua infanzia e ha scritto una serie di piccoli testi che raccontano alcune delle sue esperienze in Sudafrica. Ricordandoci, ancora una volta, che la segregazione e il razzismo non hanno alcun senso per un bambino. La classe ha incontrato Franziska dopo aver letto i suoi aneddoti, e ha parlato con lei in inglese. Gli allievi si sono presentati, e poi le hanno posto alcune domande, come: "Cosa ne pensi del razzismo?", "Qual è il tuo cibo africano preferito?" . "Sei mai stata messa in una condizione che ti faceva sentire a disagio per essere bianca?”, "Pensi che l´abolizione dell´apartheid abbia portato a un vero cambiamento?" ... e altro ancora. Con Franziska gli studenti si sono interrogati sul razzismo e sulla segregazione e hanno riflettuto su come l´umanità abbia il bisogno di comprendere che questi atteggiamenti sono privi di senso.  
Infine una considerazione. Questi momenti sono di conforto, perché autentici, ma abbiamo davvero bisogno di fare scuola da vicino. Questi incontri così belli rendono questa necessità ancora più evidente. Un grande ringraziamento a Franziska e soprattutto grazie agli allievi dell’ottava classe che hanno dimostrato una serietà e un impegno indimenticabili. Grazie di cuore. 

Maestra Benedicta  



      
Didascalia della copertina.  Franziska e i suoi fratelli nel parco con l’amata tata Josephine, Johannesburg 1966 circa.






WALDORF 100



WALDORF 100/PARTE 2



WALDORF 100/PARTE 3



SOSTIENI LA SCUOLA